Le 10 cose che hanno portato Gangnam Style di PSY al successo



Le 10 cose che hanno portato Gangnam Style al successo

“Sono al mio sesto album, ho semplicemente girato un video come ne ho girati molti altri negli anni passati, niente più.”

Questo Psy ha più volte dichiarato durante le innumerevoli interviste succedute al suo improvviso successo mondiale. Ciò che lascia perplessi è la grande mole di caratteristiche, presenti all’interno del suo video, che lasciano piuttosto pensare alla più grossa campagna di marketing virale di tutti i tempi. Tutto sembra appositamente creato al fine di sfruttare il web al 120% per trarne i migliori frutti possibili. Andremo ora ad analizzare passo passo quali sono stati i punti fondamentali che hanno permesso a Gangnam style di stracciare ogni record in 5 mesi.

 1. Il balletto
Se la macarena non fosse stata ballabile tu ora non la conosceresti. Psy ha creato la danza del cavallo. Un balletto semplicissimo, diverso da qualsiasi altro esistente, e ideato appositamente per rendere chiunque capace di ballarlo o riconoscerlo.

2. Il concepimento di una nozione
Lo “style” presente nel testo (non a caso in inglese rispetto al resto), ha fatto sì che si creasse nella mente della gente qualcosa di nuovo. Nonostante ad inizio 2012 la parola “gangnam” fosse sconosciuta ai più, oggi, piuttosto che al distretto di Seoul, viene associata ad un ben definito stile.

3. La facile replicabilità del video
Mentre nella maggior parte dei video moderni sono presenti effetti speciali o luci ed ambienti particolari, su Gangnam style tutto risulta molto accessibile. Chiunque con un po’ di impegno potrebbe creare una cover quasi identica del video. Ciò, unito allo “style”, ha fatto sì che chiunque si potesse creare il proprio Gangnam style personalizzato, semplicemente sostituendo Gangnam con il proprio tema.

Infiniti esempi qui

4. La creazione di personaggi
Creare un personaggio che si distingua dalla massa è cosa fondamentale se si vuole aver successo velocemente. La gente sentendo il tuo nome deve aver ben chiara la tua immagine, immediatamente. Se sei uno dei tanti, non esisti. La reazione della gente deve essere qualcosa del tipo “hei, sai chi è tizio?” “ah sì, è quello che…”. Ciò porta inoltre ad una possibilità molto molto importante: la creazione di gadget ad immagine e somiglianza.

Gadget Gangnam style e costume Psy

5.La possibilità di ritrovare nella vita di tutti i giorni gli elementi caratteristici del video
Non so voi ma io non posso più veder aprire un ascensore senza immaginarmi Psy sdraiato con sopra uno che muove il bacino. Ciò è difficile da dimenticare e facile da riproporre, il top del top. Lo stesso valga per i parcheggi in cui si svolge la sfida con l’uomo in giallo, la stessa sfida di ballo, il maneggio e così via.

6. I grandissimi risultati nel breve periodo
La visibilità crea visibilità. Una salita tanto rapida, quasi 100.000.000 nel primo mese, lasciò tutti di stucco. Certa gente condivideva il video solo per mostrare quante visualizzazioni avesse raggiunto. Da questo al trasformarsi nel missile puntato verso la cima della classifica dove ad aspettarlo avrebbe trovato Justin Bieber, il passo era breve e scontato.

7. Le potenziali gif
L’elemento multimediale più condiviso online, è indubbiamente l’immagine. Le emoticons, nate per far fronte all’impossibilità di vedersi in faccia durante un dialogo online nel vecchio web, sono sfociate grazie all’ampio utilizzo nelle Chan e nei forum, in vere e proprie immagini-scenetta, tra queste le note reaction faces, che di solito non hanno bisogno di descrizione per trasmettere il proprio messaggio. È proprio qui che si vede più che negli altri punti la volontà da parte di Psy di sfruttare al massimo il web puntando al virale, questo esempio parla da solo:

dat ass psy gangnam style

Nel momento in cui le persone risponderanno a qualsiasi argomento online con queste immagini, faranno indirettamente pubblicità, ed anche quando la canzone passerà di moda, esse resteranno utilizzate nelle giuste evenienze.

8. La coreografia
Ci troviamo davanti una coreografia studiata per essere particolare quanto la canzone stessa. Il trovarsi disponibile una coreografia tale per una canzone così movimentata e utilizzabile in belle e varie occasioni, farebbe gola a qualsiasi gruppo di ballo. I risultati si vedono dalle visualizzazioni di questo video. Certo se le ragazze non fossero state altrettanto carine non avrebbe dato lo stesso risultato :), ma quello è solo uno dei 1000 esempi che potete trovare cercando. Senza contare che lo si può vedere come un forte e chiaro auto-invito all’essere messo nei giochi di ballo per consolle, quali Just Dance e Dance Central.

9. La tipologia di canzone e video
Una canzone unica nel suo genere, vivace, accattivante, motivante, un loop irresistibile. Ha fatto sicuramente la sua parte.
La ciliegina sulla torta è stata la “stupidità” del video, che ha dato luogo alla maggior parte delle condivisioni.

10. I traguardi
Questa purtroppo è una cosa quasi impossibile da replicare, ma stiamo parlando di Gangnam style ed è giusto specificare che la spinta più grossa l’ha ricevuta nel momento in cui si è trovato di fronte a dei traguardi. Il primo traguardo è stato la top ten dei video più visti in assoluto su youtube, che ha raggiunto dopo 2 mesi e mezzo dall’uscita del video. Il secondo è stato Call me maybe di Carly Rae Jepsen, altro fenomeno dell’anno 2012 su youtube, capace anch’essa di 300 milioni di visualizzazioni in pochi mesi, ma spazzata via dal fenomeno Psy. A questo punto Gangnam style non stava solo puntando alla vetta della classifica, ma ben più in alto, perché in cima alla classifica c’era niente poco di meno che Justin Bieber. La scalata divenne un vero e proprio conflitto, che portò le persone a vedere il video non tanto per sentire la canzone, quanto piuttosto per scavalcare Bieber primo in classifica, e far rosicare le Beliebers. Psy diventa a 4 mesi dall’uscita il video più visto di tutti i tempi su youtube (e credo ovunque). Ma c’era ancora un traguardo da superare, nonostante non avesse più rivali, non poteva certo fermarsi prima di battere l’ennesimo record. Il 21/12/2012, data dell’annunciata apocalisse Maya, Psy taglia il traguardo del miliardo di visualizzazioni.


Sul blog analizzeremo più dettagliatamente ogni punto trattato qui sopra, distaccandoli dal video in questione e guardandoli da diversi punti di vista. Inoltre proporremo idee e spunti utilizzabili in svariati settori che si basano sulle stesse logiche. Saranno disponibili a giorni. Non cambiate canale.

Le 10 cose che hanno portato Gangnam Style al successo ultima modifica: 2012-12-21T13:56:33+00:00 da Davide Mancinelli

Davide Mancinelli

Creative Director. Marketer. Artista da quando ha memoria, cresciuto a braccetto con internet. Designer affermato che rincorre maniacalmente la perfezione, certo che qualità ed eccellenza siano la base di ogni grande traguardo. Ama la competizione e odia perdere tempo. Fa questo lavoro perché gli consente di aumentare ogni giorno la propria esperienza affrontando realtà e sfide sempre diverse.

This Post Has 3 Comments

  1. Pingback: Come superare la crisi grazie ad internet

  2. riccardo

    siiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!! arriveremo 2 milioni!!!!!!!!!!!!

    1. idpulser

      Miliardo più miliardo meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Cerca