Il metodo dell'associazione mentale – Comunicazione Pubblicitaria

0
(0)

Una delle cose che porta maggiori frutti in pubblicità, è il riuscire a collegare lo spot con altri elementi esistenti e presenti nella vita del cliente.
Un esempio che vi risulterà lampante può essere quello delle compagnie telefoniche, che ogni stagione si affrontano in una corsa all’ultimo successo musicale.
Stabilita la canzone, essa sarà utilizzata negli spot tv, alla radio, su internet, ai centralini del supporto e nei volantini. No ok, nei volantini no.

Fatto sta che da quel momento in poi vi capiterà di sentire più volte quella canzone nello spot pubblicitario che in radio.

Per quale motivo questo dovrebbe portare grossi vantaggi? Magari perché se la canzone è famosa è molto probabile che sia più bella delle altre? No. Il vero motivo sta nel voler collegare indissolubilmente la canzone alla ditta, in modo tale che quando le persone sentiranno la canzone alla radio piuttosto che sullo spot, tornerà loro automaticamente in mente quella ditta.

Quello era ovviamente solo un esempio abnorme che va oltre le possibilità dei più, ma il concetto alla base è sfruttabilissimo in qualunque ambito.

Nel momento in cui riuscirete a far diventare il vostro prodotto parte integrante di qualcosa di ben più conosciuto, otterrete grazie all’associazione mentale che si genererà, risultati smisurati.

Esempi noti:

Nel corso degli anni, durante il periodo natalizio, decine di aziende hanno sostituito il testo della canzone di “jingle bell” con parole inerenti la propria attività. 

L’alieno di avanti un altro, che ripetendo ancora e ancora le stesse frasi, torna in mente inevitabilmente al momento del loro utilizzo da parte nostra. (Che ore sono?)

La risposta automatica alla frase “cosa vuoi di più dalla vita?” dopo aver sentito per decine di volte la pubblicità dell’amaro Lucano, identica da 10 anni.

A questo punto il concetto dovrebbe essere chiaro. Trovate qualcosa di più famoso possibile da associare al vostro prodotto o progetto, e la strada sarà un po’ più in discesa.

Davide Mancinelli

Imprenditore digitale. Direttore di Ispiria, agenzia di Branding a Perugia. Autore e appassionato di lettura, ha co-fondato il "Progetto Migliori Libri", dove ogni giorno i lettori si aiutano a vicenda nello scegliere quale libro comprare, per evitare fregature sempre più comuni nell'epoca dell'autopubblicazione. È l'autore del Metodo Switch On, un metodo per imparare l'inglese da Autodidatta creato appositamente per chi non ha tempo di studiare inglese. Lo Switch On permette agli studenti autodidatti di imparare (e mantenere) l'inglese, senza doversene andare dall'Italia.

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Andrè Design ha detto:

    Questa è pubblicità!

  1. 4 Gennaio 2016

    […] PS:Se ti interessa l’argomento tecniche di marketing e pubblicità ti interesserà sicuramente questo articolo! […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *