Migliori Libri di H.P. Lovecraft | Romanzi e racconti Horror di Lovecraft

migliori-romanzi-hp-lovecraft
0
(0)

I libri di Lovecraft sono tra le più importanti opere di letteratura horror, insieme a quelli di Edgar Allan Poe.

I suoi scritti sono una contaminazione tra horror e fantascienza soft, dark fantasy e low fantasy.

Identificate poi dallo stesso autore come weird fiction, il moderno genere letterario del new weird.

Per capire a pieno i libri di H. P. Lovecraft è necessario tenere a mente il concetto per il quale ogni essere vivente ha come istinto primordiale quello della paura.

La paura è l’istinto di sopravvivenza. E quale è la paura associata alla morte più grande che il genere umano è riuscito a determinare? La paura per l’ignoto.

Per comprendere i libri di H.P Lovecraft è necessario tenere a mente questo concetto.

Prima di Lovecraft il genere “horror” era basato su cose visibili, tangibili, su mostri come vampiri, lupi mannari o streghe, cioè qualcosa che possiamo vedere ed immaginare davanti a noi.

Con Lovecraft si ha uno stravolgimento in questo senso e la paura è qualcosa che viene dall’ignoto, da qualcosa che i nostri sensi non riescono a riconoscere, perché troppo primordiali.

Un precursore e un’ispirazione per tantissimi scrittori contemporanei, come il grande RE dell’horror, Stephen King.

Perchè leggere i Libri di H. P. Lovecraft?

I libri e gli scritti di Lovecraft sono incentrati su una paura “invisibile” agli occhi.

Credo fortemente che questa sia la grande forza dei libri di Lovecraft. Lo consiglio a tutti gli appassionati di horror che stanno cercando la paura in qualcosa che è fuori dall’immaginario comune, anticonvenzionale, nuova.

È uno dei miei scrittori preferiti, fatemi sapere se vi interessa un video sul nostro canale youtube “Migliori Libri” dedicato a H.P. Lovecraft.

I temi affrontati nei libri e negli scritti di H. P. Lovecraft.

La conoscenza come male sociale

Come abbiamo già detto precendentemente l’orrore sul quale si basano i libri di H. P. Lovecraft viene dalla paura dell’ignoto.

L’autore visse in un epoca nella quale tutte le conoscenze fin’ora acquisite, vennero smantellate e distrutte, la scienza aveva distrutto il sistema di credenze precedenti, e il sistema “feudale” era stato sostituito dal capitalismo.

Ma Lovecraft non fece parte del gruppo di positivisti dell’epoca, che ritenevano che la conoscenza illuminasse l’oscurità dell’ignoranza nella quale l’uomo vive, al contrario la conoscenza ci dimostra quanto in realtà non sappiamo niente del mondo che ci circonda.

E sebbene le scienze stiano avanzando ognuna per il proprio campo, ancora non è stato possibile unire tutti i pezzi del puzzle per avere una visione completa del mondo.

E quando questo accadrà e l’uomo verrà a conoscenza di questa visione d’insieme, avremo una percezione così terrificante della realtà e del posto che noi occupiamo in essa che o impazziremo per la rivelazione, o ci rifugeremo nella consapevolezza di una nuova età oscura.

In molti suoi libri i protagonisti che raggiungono questa consapevolezza hanno ripercussioni sulla loro sanità mentale.

Uno dei libri più rappresentativi della “conoscenza proibita” è il Necronomicon o “libro dei morti”.

Secondo la leggenda, e secondo Lovecraft stesso che se lo inventò, si tratta di un ritrovamento archeologico che rivela alla civiltà acculturata oscure verità e porta al caos.

Offerta in scadenza
Clicca la copertina per sfogliare il libro.

📙 Necronomicon

Autore: Lovecraft, Howard P.
Numero Pagine: 630
Serie: OSCAR DRAGHI
Casa Editrice: Mondadori
Codice ISBN: 8804682566
Editor: Lippi, G.
113 Recensioni

La presunta esistenza del libro è circondata ancora da un alone di mistero, che rende ancora più affascinante questo scritto.

In una lettera, lo stesso Lovecraft sosteneva che il titolo gli era apparso in sogno e che le parole greche che lo componevano (nekros-cadavere, nomos-legge e eikon-descrizione) significassero “La descrizione delle leggi dei morti”.

Scritto dal pazzo Abdul Alhazred (gioco di parole che sta per all has read – ha letto tutto) come testo di magia nera prima di morire fatto a pezzi per mano di una entità invisibile, nasceva per invocare i Grandi Antichi, creature mitologiche dalle quali Lovecraft fa spesso riferimento nei suoi scritti.

Il libro sarebbe la chiave per rievocare non solo Chtullhu (di cui parleremo dopo) ma anche e soprattutto il regno dei morti, aprendo un varco che lo metterebbe in diretto contatto con il nostro mondo causando terribili conseguenze.

La distruzione delle scienze matematiche e fisiche

Lovecraft sostiene che la matematica non poggi su principi reali ed assoluti, ma su assiomi assunti per veri, nessuno più vero degli altri.

Cita geometrie non euclidee nei sui scritti, che dimostrano che il mondo come noi lo immaginiamo non è l’unico possibile, come il tempo che nei suoi scritti si distorce.

Il tutto conduce alla relatività, lo spazio e il tempo sono relativi.

L’uomo non può conoscere fondamentalmente la realtà e che questa è indeterminata e non esiste il concetto di causa ed effetto, ma solo il caos.

Conscio e inconscio

Lovecraft riprende quindi un secondo concetto da Freud: solo una piccola parte della nostra psiche è conscia.

Per scrivere i suoi libri Lovecraft spesso si ispira ai suoi incubi, ci mostra scenari assurdi, raccapriccianti, distorti, creando una vero e proprio Mondo dove le fantasie diventano reali.

La percezione sensoriale

Lovecraft spesso nei suoi libri per descrivere situazioni fa riferimento alle percezione sensoriale, come odori nauseabondi che preannunciano situazioni terrificanti.

In uno dei suoi racconti in particolare “From Beyond” uno scienziato inventa una macchina in grado di aumentare la sua percezione sensoriale e grazie a questo scopre un altro universo affollato da entità indefinibili e percorso da fenomeni ottici e sonori del tutto ignoti alla fisica terrestre, quindi non percepibili prima.

La percezione umana è insufficiente per poter percepire, comprendere e descrivere ciò che ci circonda, e qui torna la paura dell’ignoto e del non conosciuto.

Per chi intenderà leggere i libri di Lovecraft voglio farvi notare che non trovere molti dialoghi.

Stephen King sostiene che questo sia normale all’interno di questi racconti in quanto l’uomo appunto non sà descrivere queste entità perchè sono fuori dalla percezione umana e non posso essere descritte con parole che noi conosciamo.

L’uomo può trasmettere solo la paura.

Il rifiuto di Dio come entità buona e giusta

Secondo Lovecraft non solo Dio non esiste ma anche che nella possibilità in cui esistesse i suoi figli prediletti non siamo noi.

L’universo è pieno di elementi e creature ostili all’uomo, che noi non riusciamo neanche a percepire, ma che se riuscissimo anche solo a vederli sarebbe terribile.

Le creature di cui parla Lovecraft nei suoi racconti sono alieni incredibilmente avanzati e potenti che sono quasi degli Dei malvagi, presi dal desiderio di potere che conducono terribili esperimenti sugli uomini.

Quindi c’è uno stravolgimento dei ruoli in cui non è l’uomo che si crede Dio ma è Dio che crea l’uomo e lo distrugge.

Le divinità di Lovecraft hanno addirittura degli dei che li hanno creati.

Lovecraft crea quindi una sorta di piramide di potere che arriva ad abbracciare più universi compreso il nostro e noi siamo mossi da questa immensa divinità potentissima che noi non possiamo percepire ne vedere.

Qui ci spostiamo nella fantascienza e per questo consiglio di leggere i libri di H. P. Lovecraft anche agli amanti del genere.

Razzismo

Lui vedeva nella mescolanza delle “razze” un male.

Dobbiamo pensare che Lovecraft ha vissuto per un periodo a New York, una città estremamente poliedrica nella quale convivono persone di ogni tipo e appartenenti ad ogni cultura.

Lovecraft questo lo ha portato ad accettare l’esistenza di più “razze”, sostenendo l’idea di Hitler della conservazione della pura razza ariana, ma ampliando il concetto a tutte le “razze” che avrebbero dovuto e dovrebbero fare lo stesso, proteggendo la propria dalle contaminazioni con le altre e ritenendola superiore alle altre.

È necessario quindi difendersi dal colonialismo e dalla mescolanza inneggiando allo “State a casa vostra”.

Nel corso del tempo il suo pensiero muta, ma non troppo, sostenendo che se un uomo facente parte di un altra cultura si fosse integrato a tutti gli effetti in nella cultura della città nella quale si trova, quindi nato lì, cresciuto secondo i principi della società in cui è cresciuto, che si comporta come le persone del luogo e si veste come loro e pensa come loro allora può essere definito come “uno di loro” e non più appartenente alla proprio cultura di provenienza.

Ma il pensiero muta lo stesso e adesso non esistono solo le “razze” ma anche le persone ignoranti, e quelle acculturate.

Nelle sue opere compaiono famiglie di “razza bianca” che, chiuse nella loro mentalità retrograda, vivono come animali, in balia di incesti e condizioni degradanti.

Quindi nei suoi libri possiamo quasi dire che potremmo trovare un pensiero quasi progressista per l’epoca: non esistono bianchi e neri ma solo persone acculturate che devono difendersi dai barbari retrogradi.

Quali libri di Lovecraft leggere assolutamente?

Purtroppo non tutti i libri di Lovecraft sono disponibili in italiano, ma tra i più famosi troviamo:

📙 Tutti i racconti

lovecraft-libri-horror

Questi è uno dei libri di Lovecraft da avere nella propria libreria personale.

Non è un libricino, anzi è un vero e proprio tomo che raccoglie tutti i racconti (alcuni dei quali vi ho parlato in precedenza) di H. P. Lovecraft.

Avrete praticamente la raccolta completa dei racconti di Lovecraft tra le vostre mani.

Stra consigliato.

Offerta in scadenza
Clicca la copertina per sfogliare il libro.

📙 Tutti i racconti

Autore: Lovecraft, Howard P.
Numero Pagine: 1635
Serie:
Casa Editrice: Mondadori
Codice ISBN: 8804680415
Editor: Lippi, G.
150 Recensioni

📙 Cthulhu. I racconti del mito

All’interno di questo libro è possibile trovare molti racconti riferiti alla figura di Cthulhu, il principale, nonché sacerdote, dei Grandi Antichi facenti parte della complessa mitologia partorita dalla mente di Lovecraft di cui vi parlavo prima, abominevoli creature aliene che si insediarono sulla Terra quando ancora la vita terrestre era agli inizi.

Secondo Lovecraft era possibile evocare Chtulhu attraverso il Necronomicon, la pseudobibbia dei Grandi Antichi.

Offerta in scadenza
Clicca la copertina per sfogliare il libro.

📙 Cthulhu. I racconti del mito

Autore: Lovecraft, Howard P.
Numero Pagine: 613
Serie: OSCAR DRAGHI
Casa Editrice: Mondadori
Codice ISBN: 8804669446
Editor: Lippi, G.
145 Recensioni

📙 Le montagne della follia

Raccolta di quattro volumi che racchiudono una delle storie più belle dell’autore.

L’edizione illustrata ti permette di vedere su carta ciò che l’autore descrive nel racconto.

Offerta in scadenza
Clicca la copertina per sfogliare il libro.

📙 Le montagne della follia da H. P. Lovecraft. Collection box: 1-4 [Quattro volumi indivisibili]

Autore: Tanabe, Gou
Numero Pagine: 768
Serie: J-POP
Casa Editrice: Edizioni BD
Codice ISBN: 8832755718
Editor: Bollini, M.
29 Recensioni

📙 Il dominatore delle tenebre. Il meglio dei racconti

Il miglior libro per avvicinarsi al mondo di Lovecraft.
Oltre a scoprire alcuni racconti-caposaldo della letteratura horror, macabra e fantastica (tipo Il colore dallo spazio, o I ratti nei muri, o L’ombra su Innsmuth) potrete fare un assaggio delle principali tematiche affrontate da Lovecraft.

Ogni racconto ha una piccola prefazione che vi preparerà alla lettura della storia.

Offerta in scadenza
Clicca la copertina per sfogliare il libro.

📙 Il dominatore delle tenebre. Il meglio dei racconti

Autore: Lovecraft, Howard P.
Numero Pagine: 468
Serie: UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI
Casa Editrice: Feltrinelli
Codice ISBN: 8807901862
Editor: Altieri, S.
24 Recensioni

Se siete appassionati del genere vi consiglio di leggere il nostro articolo sui migliori romanzi horror da leggere assolutamente.

Se avete suggerimenti su altri libri di Lovecraft da leggere o da avere nella propria libreria ti invito.a lasciare un commento.

Silvia Perella

Divoratrice onnivora di Libri. Praticante entusiasta dell'arte della calligrafia. Appassionata di Psicologia e Marketing. Amministratrice delegata di Ispiria, e oggi parte della redazione del Progetto "Migliori Libri", con l'obiettivo di ispirare, ed essere ispirata. Vuoi farmi un favore? 📚 Suggeriscimi nei commenti dei bei libri da leggere! ;)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons